Il Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle in occasione del quarantesimo anniversario della sua fondazione sta esponendo, fino al 3 dicembre 2017, la mostra di Mario Vespasiani, uno dei talenti più autorevoli della pittura italiana, con un progetto specificatamente pensato per il Museo, dal titolo Fly Sky and Air.

Dopo l’importante esposizione collettiva Our place in space, su iniziativa della NASA e dell’ESA che sta coinvolgendo Vespasiani in un tour mondiale, in dialogo con le immagini dell’universo scattate dal telescopio Hubble, continua il suo interesse verso le altitudini e gli spazi aperti e questa mostra è un ulteriore tassello di una ricerca artistica che ha saputo distinguersi e raggiungere a soli trentanove anni una notevole complessità e un particolare rilievo.

A quasi un secolo dal Manifesto dell’Aeropittura Futurista che con i suoi artisti ha oltrepassato quella che fino ad allora era la frontiera terrestre, per celebrare l’entusiasmo per la velocità e il mito della macchina, Vespasiani affronta il medesimo impulso partendo da un altro punto di vista e lo fa smaterializzando il peso dei velivoli, per immergerli in un paesaggio in cui si fondono, in uno spettacolo che è pura natura, nel quale appaiono simili agli scogli, alla montagne, alle tinte delle nuvole, esaltando la lezione di Enrico Prampolini, nel suo riferimento ad una “spiritualità extraterrestre” in cui l’occhio del pittore deve condurre ad una esperienza che non è più fisica ma mentale, in quello che definiva “idealismo cosmico”.

Nell’ambito della mostra sono presentate le opere inedite di vario formato, realizzate nel corso 2017, dedicate ad un tema, come quello del volo, che ha sempre appassionato l’autore e che con questa esposizione ne manifesta anche una conoscenza approfondita, nella scelta delle forme e dei modelli, che hanno segnato momenti significativi della storia dell’aeronautica mondiale, dagli albori fino agli ultimi modelli supersonici.

Vespasiani dichiara di aver affrontato ogni opera lavorando sul particolare stato d’animo che gli ha suscitato ogni velivolo, cercando di mettere in risalto quelle caratteristiche come velocità, potenza, leggerezza e silenzio che contraddistinguono ciascun aereo, come fossero le peculiarità di soggetti umani ritratti, per questo Mario si è avvalso dei preziosi consigli dell’amico Gianluca che con la sua esperienza, gli ha fornito spunti importanti per familiarizzare con alcune caratteristiche note agli esperti.

L’esposizione accoglie dipinti su tela, acquerelli su carta aeronautica ed opere realizzate su differenti materiali. Un evento che si annuncia di grande interesse sia per l’aspetto artistico che per quello didattico, per conoscere e scoprire come un mezzo meccanico e tecnologico, sia in grado di specchiarsi nell’arte, nel saper unire il viaggio al sogno, le prospettive inaspettate fino alle manovre audaci, tra istinto e preparazione metodica.

Il Museo Storico dell’Aeronautica Militare è il più importante museo nazionale di storia del volo e con i suoi 13.000 mq di superficie coperta, tra i più grandi al mondo. La mostra site-specific di Mario Vespasiani, non fa che confermare la missione dell’Istituzione nella promozione della cultura e della divulgazione storica, celebrando con un evento memorabile il suo Quarantennale.

ORARI
Periodo ora solare ore 09.00 – 16.30 – Ultimo ingresso ore 16.00
Chiuso tutti i lunedì feriali
L’esposizione avviene presso l’hangar Badoni, dove sono conservati i Grandi Velivoli Storici.

Per maggiori informazioni: www.aeronautica.difesa.it

A proposito dell'autore

Dalla redazione di Aviation Report

Post correlati

Rispondi