Finmeccanica firma il contratto per la fornitura di 28 Eurofighter Typhoon al Kuwait sulla base dell’accordo intergovernativo con l’Italia, il più grande contratto mai firmato da Finmeccanica.

Il Ministero della Difesa del Kuwait e Finmeccanica, responsabile nell’ambito del consorzio Eurofighter della campagna commerciale Kuwait, hanno firmato il 5 Aprile 2016 il contratto per la fornitura di 28 velivoli Eurofighter Typhoon che saranno realizzati in Italia. La firma si inquadra nella cornice dell’accordo intergovernativo firmato in precedenza, ed è avvenuta alla presenza del Ministro della Difesa Roberta Pinotti e del suo omologo kuwaitiano, H.E. SHAIKH Gen. Khaled Al Jarrah Al Sabah.

Il contratto con il Kuwait si inserisce in un’ampia e consolidata partnership tra i Ministeri della Difesa italiano e del Paese del Golfo, in grado di rafforzare ulteriormente la collaborazione fra le due nazioni e gli altri Paesi europei membri del consorzio (Regno Unito, Germania e Spagna).

Il contratto comprende anche l’aggiornamento delle infrastrutture in Kuwait necessarie all’operatività dei velivoli e le forniture nei settori della logistica, del supporto operativo e dell’addestramento di equipaggi di volo e personale di terra, che saranno svolte in collaborazione con l’Aeronautica Militare Italiana.

Gli Eurofighter per il Kuwait, nella configurazione più avanzata, saranno equipaggiati con l’innovativo E-Scan Radar (radar a scansione elettronica) sviluppato dal consorzio europeo EuroRADAR, guidato da Finmeccanica.

“Si tratta del piu’ grande traguardo commerciale mai raggiunto da Finmeccanica”

ha commentato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Finmeccanica, Mauro Moretti.

“E’ un grande successo industriale con risvolti molto significativi non solo per la nostra azienda e gli altri partner del consorzio Eurofighter, ma anche per l’intero sistema Paese – ha sottolineato Moretti – grazie ai benefici in termini di know-how e occupazione qualificata per tutta la filiera delle piccole e medie imprese italiane attive nel settore della sicurezza e difesa”.

Rispondi