Tre Gruppi aeronavali permanenti della NATO (Standing Groups) stanno partecipando alla forza di reazione rapida aero-navale francese (FRMARFOR) nell’ambito dell’esercitazione Brillant Mariner 2017, una esercitazione di validazione delle capacità operative destinata a sostenere la certificazione della componente navale della NATO Response Force (NRF ) per il 2018.

La Francia è la nazione ospitante dell’esercitazione di quest’anno che si sta svolgendo nel Mar Mediterraneo al largo delle coste della Francia, dell’Italia e della Spagna iniziata il 29 settembre e con fine prevista per il 13 ottobre 2017.

Il comandante marittimo della NATO Response Force ruota tra i diversi gruppi ogni anno. La forza di reazione rapida aeronavale francese assumerà la responsabilità del Comando della Componente Marittima (MCC – Maritime Component Commander) per il NRF 2018.

Unità militari navali del Canada, della Danimarca, della Francia, della Grecia, della Germania, dell’Italia, dei Paesi Bassi, della Norvegia, del Portogallo, della Spagna, della Turchia e del Regno Unito stanno partecipando all’esercitazione Brillant Mariner 2017 per un totale di 27 unità navali supportate da aerei da pattugliamento marittimo ed elicotteri.

L’esercitazione Brillant Mariner 2017 fornirà l’opportunità di esercitare il comando e il controllo a livello di MCC della NRF, rafforzando la collaborazione congiunta e migliorando l’interoperabilità tra i vari paesi alleati. Le unità e gli equipaggi partecipanti valuteranno la loro operatività e convalideranno le loro capacità migliorando nel contempo le loro conoscenze, competenze e abilità operando in un ambiente impegnativo e stimolante allo stesso tempo.

NATO Response Force

La Forza di Reazione della NATO (NRF) è una forza multinazionale altamente preparata e tecnologicamente avanzata costituita da componenti terrestri, aeree, marittime e di Forze per Operazioni Speciali (SOF) che l’Alleanza può implementare ed impiegare rapidamente, ove necessario, per rafforzare la deterrenza e la posizione di difesa della NATO per proiettare stabilità anche al di là delle frontiere alleate.

Fonte e photo credits: NATO Allied Maritime Command

Rispondi