Oggi 24 Marzo 2015 i caccia Eurofighter Typhoon italiani della Task Force Air Nato in Šiauliai sono decollati due volte, in mattinata e nel pomeriggio, su Scramble, per intercettare a velocità supersonica alcuni velivoli cacciabombardieri della Federazione Russa.

I velivoli in questione attraversavano lo spazio aereo baltico senza aver ottenuto le dovute autorizzazioni. I velivoli intercettori sono stati attivati con un ordine di Scramble dal Centro di Comando e Controllo delle Operazioni aeree (CAOC) della NATO con sede ad Uedem (Germania).
I due Typhoon italiani hanno intercettato ed identificato, in pochi minuti, i velivoli secondo le procedure previste dalla NATO.
I velivoli russi intercettati in mattinata erano due Tupolev TU-22M Backfire scortati da due SU-27 Flanker che volando in regine supersonico erano diretti verso la Danimarca e le coste della Svezia sempre nello spazio aereo internazionale. Nel pomeriggio i caccia italiani hanno intercettano altri due SU-27 Flanker.

Con “Scramble” viene indicata l’attività operativa che consiste nel far decollare in maniera rapida una coppia di velivoli caccia al fine di intercettare e identificare un aereo sconosciuto che viola lo spazio aereo dell’Alleanza, al fine di garantire la sicurezza dei cieli da qualsiasi eventuale e/o potenziale minaccia.
I caccia italiani sono arrivati in Lituania, sulla base aerea di Šiauliai, il 27 dicembre 2014 per assicurare dal primo Gennaio 2015 l’integrità dello spazio aereo sui cieli delle tre repubbliche baltiche Lituania, Estonia e Lettonia, nella turnazione n° 37 stabilita dall’Alleanza nell’ambito del programma NATO Baltic Air Policing.

E’ importante ricordare che L’Italia, al momento, è l’unica nazione dell’Alleanza che partecipa a tutte e quattro le attività di Interim Air Policing richieste dalla NATO. I velivoli dell’Aeronautica Militare operano con continuità sui cieli dell’Albania, dal 2009, della Slovenia, dal 2004, ed ha svolto la prima rotazione in Islanda nel 2013.

Fonte: UCOM Aeronautica Militare
Immagini: Archivio Aviation Report

Rispondi