Il più famoso aereo da trasporto degli ultimi 60 anni, il C-130 Hercules, raggiunge la ragguardevole quota di 2500 velivoli consegnati. Il velivolo che ha segnato questo obiettivo è un HC-130J Combat King II Personnel Recovery Aircraft assegnato al 71st Rescue Squadron, 347th Rescue Group dell’US Air Force basato presso la Moody Air Force Base in Valdosta, Georgia.
Il C-130 Hercules è da sempre lo standard per quanto riguarda il trasporto tattico, fornendo orami da anni un mix unico di versatilità e prestazioni per effettuare ogni missione, sempre e ovunque nel mondo.

La U.S. Air Force ha ricevuto il primo Hercules il 9 Dicembre del 1956 ed ha in servizio la più grande flotta del velivolo da trasporto che include la versione standard C-130H e le nuove versioni C-130J Super Hercules.
Il C-130, oggi, è utilizzato da 68 differenti nazioni e l’intera flotta mondiale ha effettuato complessivamente più di 22 milioni di ore di volo. La versione attualmente in produzione è il C-130J Super Hercules, disponibile in 17 differenti configurazioni, scelto da sedici nazioni e diciannove diversi operatori. La flotta mondiale di Super Hercules ha già all’attivo, ad oggi, più di 1.3 milioni di ore di volo.
Un dato, diciamo più spiritoso, è che inclusi nei 2500 aerei ci sono anche 41.844 pale dell’eliche dei motori. Ricordando che la versione “A” aveva 3 pale per elica, le versioni “L-100”, “B”, “E” ed “H” hanno 4 pale per elica e la versione “J” sei, facendo un pò di moltiplicazioni otteniamo proprio al cifra di 41.844 pale!

Le varianti del C-130J in produzione includono: C-130J/C-130J-30 per il trasporto; KC-130J per il rifornimento in volo; HC-130J per il search and rescue; MC-130J per le operazioni speciali; LM-100J variante commerciale per il trasporto.

In Italia il Lockheed Martin C-130 Hercules, nelle versioni J e J-30 allungata, è in servizio presso la 46^ Brigata Aerea di Pisa con il 50° Gruppo Volo e il 2° Gruppo Volo dal 18 agosto 2000 ed ha sostituito le anziane macchine in versione “H” che erano operative dal 1972.

Photo credits: U.S. Air Force Senior Airman Ceaira Tinsley/Released – Senior Airman Ryan Callaghan/Released

Rispondi