Alle prime luci dell’alba di questa mattina si è concluso l’intervento SAR dell’Aeronautica Militare per il soccorso alla nave Ezadeen, mercantile con centinaia di migranti a bordo, abbandonato dall’equipaggio e fermatosi per un black out a circa 40 miglia a largo di Capo di Leuca.

Nonostante le cattive condizioni meteorologiche la nave è stata raggiunta nella notte da un elicottero SAR HH-139A dell’84° Centro Search and Rescue decollato su allarme dalla sua base aerea di Gioia del Colle (Bari). Il flight crew dell’elicottero ha calato sulla nave in un primo momento personale della Capitaneria di Porto e della Guardia Costiera, con il compito di assumere il controllo e mettere in sicurezza l’imbarcazione, e in un secondo momento tre medici provenienti dalla nave TYR della Guardia Costiera islandese impegnata nella missione Frontex, che aveva raggiunto nel frattempo la Ezadee per scortarla.

La missione, viste le proibitive difficoltà meteorologiche, è stata condotta calando il personale con il verricello e grazie all’impiego del team di aero-soccorritori specializzati in questo genere di interventi imbarcato sull’HH-139A. Ricordiamo che gli elicotteri dell’84° Centro C/SAR sono intervenuti nei giorni scorsi anche nei soccorsi al traghetto Norman Atlantic e due giorni fa alla nave cargo Blue Sky M.

Testo: Stefano Monteleone
Video credits: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

Rispondi