Il 15 Marzo, nell’Oceano Atlantico, l’Eisenhower Carrier Strike Group (IKECSG) ha completato una esercitazione live per testare i missili da difesa aerea Standard Missile (SM-2). Questi test fanno parte della preparazione finale per una esercitazione di tipo Computex – Composition Training Unit Exercise che certificherà la prontezza operativa di tutto lo strike group della portaerei.

L’IKECSG è composto dalla portaerei USS Dwight D. Eisenhower, dal Carrier Air Wing 3, dalla USS San Jacinto (CG 56), dalla USS Monterey (CG 61) e dalle unità navali del Destroyer Squadron (DESRON) 26USS Stout (DDG 55), USS Roosevelt (DDG 80), USS Mason (DDG 87) e USS Nitze (DDG 94).

Le sei unità navali da combattimento, USS San Jacinto (CG 56), USS Monterey (CG 61), USS Mason (DDG 87), USS Roosevelt (DDG 81), USS Stout (DDG 55) e USS Nitze (DDG 94), hanno testato un ampio spettro di tattiche e procedure inlcuso l’inseguimento di bersagli condiviso tra le varie unità prima del lancio reale dei missili Standard Missiles (SM-2) agli obiettivi in avvicinamento al gruppo navale. Tutte le navi hanno registrato dei “kills”come misurato dalla strumentazione di aggancio e inseguimento dei bersagli del sistema d’arma Aegis.

Il missile SM-2 è parte integrante del sistema di difesa aerea che protegge le unità navali americane, e più volte ha dimostrato la sua efficacia intercettando vari tipi di bersagli: subsonici, supersonici, a bassa e alta quota di navigazione, con elevate doti di manovrabilità, missili anti-nave, caccia, bombardieri ed elicotteri anche in ambienti e scenari elettronicamente degradati e complessi.

Rispondi