Ieri 23 Settembre 2017, ennesimo show of force contro le provocazioni della Corea del Nord. Bombardieri strategici B-1B Lancer del 37th Expeditionary Bomb Squadron provenienti dalla base aerea Andersen sull’isola di Guam, scortati dai caccia F-15C Eagle provenienti dalla base aerea di Kadena in Giappone hanno sorvolato, nello spazio aereo internazionale, le acque subito ad east del confine nord coreano.

Questa è la dimostrazione di forza This is the farthest north of the Demilitarized Zone (DMZ) any U.S. fighter or bomber aircraft have flown off North Korea’s coast in the 21st century, underscoring the seriousness with which we take the DPRK’s reckless behavior.

Questo è il più lontano punto a nord della zona demilitarizzata (DMZ) lungo la costa della Corea del Nord mai raggiunto nel ventunesimo secolo dai velivoli militari americani. Questo nuovo show of force sottolinea la serietà con la quale gli USA stanno prendendo le provocazioni della Corea del Nord.

Il Pentagono ha commentato che “questa missione è una dimostrazione della risoluzione degli Stati Uniti e un chiaro messaggio che il Presidente Trump ha molte opzioni militari per sconfiggere ogni minaccia coreana. Il programma di sviluppo delle armi della Corea del Nord costituisce una grave minaccia per la regione dell’Asia-Pacifico e per l’intera comunità internazionale. Siamo pronti a utilizzare l’intera capacità militare per difendere il territorio degli Stati Uniti e quello dei nostri alleati.

In risposta il ministro degli esteri nord coreano ha ribadito nuovamente l’elevato rischio che gli Stati Uniti stanno correndo con le loro provocazioni e che, la responsabilità di un eventuale attacco missisilistico nord coreano e la perdita di vite umane sarebbe totalmente del presidente Trump.

Fonte: US Pacific Air Command, DoD
Immagini: U.S. Air Force photo/Staff Sgt. Joshua Smoot, U.S. Air Force photo/Tech. Sgt. Richard Ebensberger, U.S. Air Force photo/Senior Airman Quay Drawdy

Rispondi