La U.S. Navy, la Royal Australian Air Force e la Royal Air Force inglese sono nel pieno processo di modernizzazione delle loro flotte di aerei da pattugliamento marittimo, e lo fanno attraverso l’ultimo contratto firmato, il 30 Marzo scorso, con la Boeing. Contratto per 2.2 miliardi di dollari per 17 aerei P-8A Poseidon.

Il contratto prevede anche un’opzione per ulteriori 32 aerei, che se esercitata porterà il valore complessivo a 6.8 miliardi di dollari.

La US Navy riceverà ulteriori 11 aerei, mentre l’Australia aggiunerà altri 4 esemplari alla sua flotta di 2 già operativi. Per quanto riguarda il Regno Unito, nel contratto sono previsti i primi 2 esemplari destinati alla RAF, per i quali la prima consegna è prevista per il 2019. Ad oggi la Boeing ha già consegnato 53 Poseidon alla US Navy e 2 alla Royal Australian Air Force.

Il Poseidon è un velivolo da pattugliamento marittimo, con elevate capacità ASW/ASUW antinave e antisom basato sul velivolo commerciale Boeing 737-800 Next-Generation ma con le ali della versione 900ER. Oggi il Boeing P-8A Poseidon offre le maggiori e più ampie capacità al mondo nel campo della guerra navale, del pattugliamento marittimo, sorveglianza e ricognizione. La US Navy ha già dislocato diverse unità aeree intorno al mondo e dall’inizio delle operazioni nel 2013 i P-8A Poseidon americani hanno già accumulato più di 96.000 ore di volo.

Altro futuro operatore del Poseidon sarà la Norvegia che ha firmato un contratto per 5 P-8A che andranno a rimpiazzare gli attuali P-3C/N Orion e Falcon 20. Le consegne sono previste tra il 2022 e il 2023.

Al di fuori degli alleati storici e della NATO degli USA, il solo altro utilizzatore del Poseidon à la Indian Navy che opera la versione P-8I in otto esemplari, in attesa della consegna di ulteriori 4 esemplari.

Abbiamo avuto l’opportunità di vistare a terra e vedere in volo il P-8A Poseidon durante l’ultima edizione della esercitazione aeronavale NATO Dynamic Manta 2017, che si è svolta a metà Marzo nel Mar Mediterraneo. SOno otto infatti i Poseidon americani attualmente basati sulla NAS Sigonella in Sicilia.

Fonte: Boeing Defense

A proposito dell'autore

Dalla redazione di Aviation Report

Post correlati

Rispondi