Si è svolta il 15 Gennaio 2015, a largo delle coste siciliane, l’ennesima operazione complessa di soccorso aeronavale da parte degli uomini e donne della Guardia Costiera in favore di circa 200 migranti.

La missione di soccorso è stata disposta dalla Centrale Operativa del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto della Guardia Costiera di Roma, a seguito segnalazione da parte di un peschereccio che riferiva della presenza di un gommone in difficoltà con migranti a bordo.
Sul punto è stata inviata un una motovedetta classe 300 da Lampedusa della Guardia Costiera e un elicottero AgustaWestland AW-139 decollato dalla Base Aeromobili della Guardia Costiera di Catania, fondamentale per la riuscita del soccorso, in quanto sorvolando l’area è riuscita ad individuare l’esatta posizione del gommone con i migranti in difficolta.
I migranti sono stati trasbordati a bordo del mezzo navale della Guardia Costiera intervenuto per il successivo sbarco nel porto di Lampedusa.

La missione dell’AW-139, con personale medico a bordo del C.I.S.O.M., Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, presenza ormai costante a bordo degli elicotteri S.A.R. / H24 della Guardia Costiera, grazie ad un protocollo d’intesa nazionale con il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto ed lo stesso C.I.S.O.M., ha continuato raggiungendo il mercantile Sea Nostrum, dirottato nella zona d’operazione dal Centro Nazionale di Soccorso della Guardia Costiera per soccorrere al largo delle coste libiche a circa 50 miglia ed a circa 120 miglia a Sud-Sud Est di Lampedusa, altri 96 migranti presumibilmente di origine della Costa D’Avorio e salpati verosimilmente dalle coste africane a bordo del quest’ultimo gommone.

L’elicottero ha calato tramite verricello il medico del C.I.S.O.M. a bordo del mercantile con un aerosoccoritore a supporto per verificare le condizioni di salute dei migranti.
Il dottore, nei dieci minuti passati a bordo del mercantile ad effettuare lo screening per valutare le condizioni generali di salute dei migranti per escludere patologie di natura infettiva e trasmissiva, ha provveduto ad effettuare alcune medicazioni di ferite esposte a tre migranti e riscontrando in due soggetti la necessità di cure immediate, in quanto uno presentava sintomi di ipotermia in atto e l’altro era affetto da febbre alta.
L’equipaggio dell’elicottero, su indicazioni del medico, ha provveduto a evacuare le due persone dal mercantile, che sono state verricellate sull’AW-139 della Guardia Costiera e trasportate d’urgenza all’ospedale di Lampedusa, per le cure del caso dei sanitari e per gli accertamenti della polizia di frontiera.

Fonte e video credits: Capo Sezione Relazioni Esterne Base Aeromobili Guardia Costiera – Catania – CF M. Ridolfo

Rispondi