Si è conclusa poco dopo la mezzanotte, con  numeri storicamente importanti, la serata di beneficenza AM  for AMatrice, che si è svolta all’aeroporto militare di Trapani Birgi che, per l’occasione, ha aperto le porte a quasi 2000 persone, ospitando uno spettacolo di intrattenimento di quasi due ore che ha permesso di raccogliere la somma di ben 37 mila euro per la comunità colpita dal terremoto.

Un allestimento suggestivo per l’hangar del 82° Centro SAR  per la raccolta di fondi a favore del Comune di Amatrice che si è tenuta venerdì scorso con uno spettacolo di cabaret che ha riscosso grande consenso fra il pubblico: la presenza di un elicottero HH-139A e di un velivolo F-2000 Eurofighter ai lati del palco, l’illuminazione tricolore alle pareti, già caratterizzavano la scenografia in un ambiente tipicamente aeronautico e istituzionale.

Ad accompagnare l’inizio della serata e l’arrivo degli invitati è stata la musica del maestro Gino de Vita che ha allietato la degustazione di ottimi vini e prodotti tipici della provincia di Trapani. Il giovane tenore marsalese Giuseppe Colla ha intonato l’Inno di Mameli dando, così, inizio alla serata con la piena partecipazione di tutti i presenti, che si sono alzati in piedi, con la mano sul petto per cantare,  senza alcuna distinzione tra autorità militari, civili e religiose, cittadini e militari in servizio. La realtà provinciale di Trapani era tutta riunita simbolicamente nel tricolore all’interno di un hangar dell’Aeronautica Militare per manifestare la propria vicinanza alla comunità di Amatrice colpita dalla tragedia del sisma.

La tragedia e, in particolare, le vittime del tremendo terremoto del 24 agosto scorso sono state ricordate con la proiezione di un video molto suggestivo, realizzato dalla direzione artistica di Amedeo Culotta e Mario Bornice, nel quale, proprio in chiusura, ha mostrato una bambina estratta viva da sotto le macerie, seguita dalle immagini del decollo di un Eurofighter del 18° Gruppo. Questa immagine era volta a sintetizzare quanto poi espresso dal Colonnello Ferrara, Comandante del 37° Stormo:

“Tra i compiti istituzionali dell’Aeronautica Militare e delle Forze Armate in generale, rientra il supporto alle popolazioni colpite da calamità naturali. Non potendo fornire un contributo diretto e avendo vissuto io stesso da bambino il dramma del terremoto in Irpinia, mi sono sentito in dovere di esprimere, con il supporto dell’unità operativa di cui mi trovo al comando, la nostra solidarietà attraverso la realizzazione di questa serata. Con le offerte ricevute dalle aziende locali che hanno voluto sponsorizzare l’evento e dalle quote di partecipazione, abbiamo raccolto una cifra considerevoleda devolvere direttamente e senza intermediazioni all’amministrazione Comunale di Amatrice. I bambini sono doppiamente vittime di queste sciagure, ed essendo prossimi al Natale vorremmo portare loro un po’ di sollievo e perché no, anche qualche sorriso come quello che sapranno regalarci gli artisti che si alterneranno a breve su questo palco!”.

Con la magistrale ed impeccabile conduzione di Vittoria Abbenante, la serata all’insegna del cabaret è proseguita con le esilaranti esibizioni di Toti e Totino, Sergio Vespertino, Alessandro Gandolfo e Sasà Salvaggio che, seppur un po’ disorientati per la insolita location, per le impressionanti misure di sicurezza implementate e per la impeccabile organizzazione tipicamente militare, hanno regalato oltre due ore di puro divertimento all’insegna della spensieratezza e della sicilianità a tutto tondo.

Nell’intervento conclusivo, il Col. Ferrara oltre a ringraziare le istituzioni, gli sponsor, il personale della base e più in generale tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione della serata, ha infine rivelato la somma raccolta da devolvere al Comune di Amatrice compilando un simbolico assegno: 37.000 euro, una cifra che ha superato qualsiasi aspettativa.

I ringraziamenti dalla comunità di Amatrice sono arrivati con un videomessaggio del Sindaco, il Dott. Pirozzi, il quale con parole molto toccanti e di profonda riconoscenza per l’Aeronautica Militare, per la splendida terra di Sicilia e per la provincia di Trapani, ha detto “…il grande cuore della provincia di Trapani batte forte, questo a dimostrazione che siamo e siete un grande popolo”!

Una parte dei proventi è stata inoltre destinata anche ad alcune associazioni di volontariato di Trapani e Marsala con cui il 37° Stormo collabora da diversi anni, quali la onlus “L’isola”,che si occupa di clown terapia e della ludoteca presso l’ospedale civico di Marsala, l’istituto diurno Helios, la comunità Serve di Gesù Povero di Trapani e la comunità Sacro Cuore di Gesù incarnato di Marsala.

Fonte e photo credits: UCOM Aeronautica Militare, 37° Stormo

Rispondi