Airbus ha completato l’assemblaggio del primo A321neo ACF (Airbus Cabin Flex) presso il proprio stabilimento di Amburgo lo scorso 5 gennaio. L’aeromobile, dotato di motori CFM Leap-1A sarà sottoposto ai test a terra prima di intraprendere il primo volo, previsto per le prossime settimane. La prima consegna di un A321neo ACF a un cliente è prevista per la metà del 2018.

L’A321neo ACF è l’ultima aggiunta alla popolare Famiglia A320. Grazie a modifiche a livello della fusoliera, la versione ACF consente di avere configurazioni di cabina più flessibili, e in grado di accogliere fino a 240 passeggeri.

Rispetto alla variante precedente dell’A321, le modifiche più visibili sono una nuova sezione posteriore e una nuova configurazione del portelloni adibiti ai passeggeri: il portellone situato davanti all’ala è stato rimosso e sono state introdotte uscite di emergenza sopra le ali nella sezione centrale. L’A321 neo ACF costituisce oggi un’opzione, ma costituirà lo standard standard per tutti gli A321neo intorno al 2020.

L’A321neo AF è la base di una variante più lunga conosciuta come A321LR. L’A321LR ha un maggiore peso massimo al decollo (MTOW) pari a 97 tonnellate e un terzo serbatoio sotto il pavimento che consente ai vettori di incrementare l’autonomia fino a 4.000 mn, dunque particolarmente adatta ai voli intercontinentali. La prima consegna di un A321LR è prevista per il Q4 2018.

L’A321 è il più grande membro della Famiglia A320 ed è in grado di ospitare fino a 240 passeggeri, a seconda della configurazione di cabina. Dotato delle ultime innovazioni in termini di motorizzazione, aerodinamica e cabina, l’A321neo offre una significativa riduzione dei consumi di carburante, vale a dire di almeno il 15% per poltrona dal primo giorno e del 20% entro il 2020.

Fonte e photo credits: Airbus Industries

Rispondi