Un velivolo C-130J Hercules della 46^ Brigata Aerea di Pisa è intervenuto, a sostegno del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, per il trasporto di aiuti d’urgenza destinati alla popolazione libica.

Il 12 aprile un velivolo C-130J Hercules basato presso la 46^ Brigata Aerea dell’Aeronautica Militare di Pisa, ha trasportato aiuti umanitari, tra cui generi alimentari di urgenza e kit medici, spediti per conto del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci).

Il materiale  umanitario è destinato ad essere distribuito nell’area di Tripoli e nell’ospedale di Bengasi in risposta alla grave situazione in corso in Libia ed accogliendo la richiesta di aiuto del Governo di unità nazionale libico. Nell’occasione, il personale militare del “Movement & Transportation” del reparto brindisino ha operato in sinergia con il personale del Programma Alimentare Mondiale – PAM.

Dal 2000, l’Italia ospita presso il Distaccamento Aeroportuale di Brindisi e l’ex base Usaf di San Vito dei Normanni (BR) materiali d’emergenza stoccati presso i magazzini della Base di Pronto Intervento Umanitario dell’ONU (UNHRD United Nations Humanitarian Response Depot).

La Difesa italiana, attraverso l’Aeronautica Militare offre supporto per la realizzazione di missioni umanitarie, soprattutto in occasione di gravi calamità naturali o altri eventi che determinino la necessità di fornire aiuti e sostegni a popolazioni che da questi accadimenti subiscono pesanti disagi, ultime in ordine di tempo le missioni nelle Filippine colpite dal Tifone Haiyan, e in Mali.

Fonte e photo credits: UCOM Aeronautica Militare

Rispondi