Aerion e Lockheed Martin hanno annunciato un Memorandum of Understanding (MOU) per definire un processo formale e controllato per esplorare la fattibilità di uno sviluppo congiunto del primo jet business supersonico al mondo, l’Aerion AS2. Nei prossimi 12 mesi, le aziende lavoreranno insieme per sviluppare un framework su tutte le fasi del programma, tra cui ingegneria, certificazione e produzione.

Quando si tratta di know-how supersonico, le capacità di Lockheed Martin sono ben note e, di fatto, leggendarie. Il MOU è il risultato di ampie discussioni tra Aerion e Lockheed Martin Skunk Works® Advanced Development Programs team. Per quasi 75 anni, Skunk Works ha lavorato per creare aerei rivoluzionari che spingono fino ai confini di ciò che è possibile.

Lockheed Martin, nota per aver sviluppato velivoli da combattimento supersonici leader nel mondo quali l’F-16, l’F-35 e l’F-22, nonché il velivolo da ricognizione da Mach 3+ il mitico SR-71 Blackbird, si impegna a promuovere nuove innovazioni e a sviluppare tecnologie supersoniche per applicazioni civili e commerciali.

Durante gli ultimi due anni e mezzo, Aerion ha sviluppato l’aerodinamica e la progettazione strutturale dell’AS2 attraverso un precedente accordo di collaborazione tecnica con Airbus. Attraverso questo sforzo, le due società hanno sviluppato la progettazione preliminare di strutture dell’ala e della cellula del velivolo, layout di sistemi e concetti preliminari per un sistema di controllo di volo fly-by-wire.

Nel maggio 2017, GE Aviation ha annunciato un accordo con Aerion per definire lo sviluppo di un motore supersonico per l’AS2. L’ultimo annuncio con Lockheed Martin posiziona ulteriormente Aerion come leader nel nascente settore dell’aviazione civile supersonica.

L’AS2 a 12 passeggeri dovrebbe volare ad una velocità massima di Mach 1.4 rispetto all’acqua, circa il 55 percento più veloce dei jet commerciali più veloci attualmente prodotti, con una velocità superiore a 1.000 miglia / 1.600 km/h. Dove consentito volerà a velocità prossime a Mach 1.2 senza il boom sonico.

Grazie alla sua unica ala a flusso laminare naturale supersonico, il velivolo dovrebbe poter coprire la distanza da Los Angeles a Parigi a velocità supersonica e subsonica. L’AS2 farà risparmiare fino a tre ore attraverso l’Atlantico e più di cinque ore attraverso il Pacifico. Una volta prodotto ridurrà, in media, i viaggi transatlantici di ben tre ore, consentendo ai manager aziendali di volare tra New York e Londra andata e ritorno in un giorno.

A novembre 2015 Aerion ha annunciato un ordine da parte di Flexjet per 20 velivoli AS2. Aerion prevede il primo volo dell’AS2 nel 2023 e la certificazione nel 2025.

Fonte: Lockheed Martin

Rispondi