Souda Bay Creta, martedì 27 ore 10:30. La mia splendida avventura inizia a Roma il 23 marzo, grazie ad una telefonata di un amico. La possibilità di imbarco sulla portarei USS Enterprise che si trova nel Mediterraneo è diventata una realtà.

Al Main Gate della Naval Air Station di Souda Bay incontro i compagni d’avventura: quattro ragazzi greci e due turchi ( troupe televisive ), due tedeschi, due inglesi ed un belga che con me fanno 12, un bel po’ di gente, pensavo che saremmo stati di meno. Ci accoglie “Paul” il PAO ( Public Affairs Officer ) di Souda Bay che con un Van, di quelli che consumano un litro al kilometro, ci deposita nella sala d’aspetto dell’aeroporto.
Il decollo è previsto per mezzogiorno e nell’attesa tento di fare un paio di scatti ad una coppia di “Orion “ parcheggiati sul piazzale; neanche a provarci, la security greca è inflessibile: “ No shot “, e, mentre tento un ultimo approccio al gendarme, atterra il nostro taxi per l’Enterprise, un Grumman C-2 Greyhound detto COD (Carrier On Board Delivery).

Gli giro intorno, mi attardo un po’ a guardare l’aereo che vedo per la prima volta, ed infatti, quando salgo a bordo dalla rampa posteriore, mi accorgo che i posti migliori, gli unici due con i finestrini, sono già occupati…
Pazienza! Indosso il giubbotto salvagente ed il casco con i padiglioni antirumore incorporati e mi siedo; ci si intende a gesti e non capisco perché i sedili sono posizionati al contrario (lo schienale verso il fronte marcia). ….lo capirò più tardi, all’arrivo.

Dopo quasi un’ora di volo e di sobbalzi, mi sentivo come Jack Rian nel film Caccia ad Ottobre Rosso, l’equipaggio lancia un grido:…” here we go! “ e poco dopo, con una gran botta atterriamo sul ponte dell’Enterprise.

Sono diventato un “Tailhooker”
E mi spiego adesso il perché dei sedili montati al contrario: in due/tre secondi al massimo si passa dalla velocità di atterraggio, comunque elevata, a zero incassando una notevole quantità di “g” ed avendo la schiena saldamente appoggiata al sedile non ci si accorge quasi di nulla; credo però che l’emozione e l’adrenalina abbiano avuto gioco facile su tutto il resto. Si apre il portellone di coda, si abbassa la rampa e viene dato il via libera a scendere dall’aereo.

f-18f carrier air wing uss enterprise

Improvvisamente mi rendo conto di stare sul ponte dell’Enterprise, la prima portaerei nucleare al mondo, la più grande in esercizio con i suoi 342 metri di lunghezza, e mi si para dinanzi un universo fatto di uomini colorati: gialli, bianchi,verdi,rossi,……argento che si muovono tutti insieme senza soluzione di continuità, come in un balletto ben orchestrato da un direttore che non si vede ma si capisce che c’è.

Ci da il benvenuto Sara, il Tenente addetto stampa della CVN 65, che dopo un breve, saluto passa a spiegare le regole da rispettare per far sì che la visita si svolga in tutta sicurezza: andremo prima sull’Isola in alto, vicino alla postazione dell’Air Boss, e poi sul ponte di volo dove saremo veramente vicini agli uomini ed ai velivoli durante le operazioni di decollo e di atterraggio. Ci dividiamo in due gruppi, le troupe televisive separate dai fotografi e via a passo spedito; già si sente la messa in moto dei jet, ci sono sette piani di scale da percorrere e nessuno vuole perdere neanche un istante di quello che sta accadendo li fuori.

Che spettacolo, lo sguardo spazia a 360 gradi ed è incredibile quello che si può vedere da quassù. Sul ponte ci saranno almeno trenta aerei e gli uomini cominciano a muoversi all’unisono, coordinati, precisi, efficienti, ognuno sa quello che deve fare; gli specialisti si affannano intorno ai velivoli per prepararli al decollo, gli addetti alle catapulte (ce ne sono quattro e tutte in funzione) controllano che nulla impedisca lo scorrimento del lanciatore ed ad un certo punto comincia lo “Show“. Gli aerei si allineano ed è un susseguirsi di decolli, uno dietro l’altro senza un attimo di respiro. Per primo viene lanciato l’Hawkeye, che ha il compito di controllare lo spazio aereo, seguito da una coppia di Prowler per le contromisure elettroniche e poi Hornet, Super Hornet della Navy e dei Marines, tanti che perdi il conto di quanti sono.

“Che meraviglia“
Ma ecco che non fa in tempo a sparire all’orizzonte l’ultimo F-18 che già gli uomini sul ponte di volo si preparano a ricevere i primi atterraggi ( tra il primo decollo ed il primo atterraggio sarà trascorsa non più di mezz’ora ). E gli aerei vengono giù che ti fa un’impressione dell’altro mondo e tu sei lì, a pochi metri dal punto di contatto, vicino alle funi di arresto e scatti una foto dietro l’altra con l’entusiasmo alle stelle che non ti fa avere paura ne sentire la stanchezza. Già, la stanchezza; sono in piedi dalle cinque della mattina, difficile dormire con il pensiero di quello che mi aspettava; ho perso il conto di quanti su e giù per i vari ponti della nave sono stati fatti ma si continua come se nulla fosse, fino al tramonto con l’arrivo dell’ultima sortita di quindici velivoli; perché in un pomeriggio sono stati lanciati e recuperati più di sessanta aerei in tre differenti sortite.
Alla fine, dopo che anche l’Hawkeye è stato recuperato, spenti i motori, cala un silenzio quasi surreale e tutti gli uomini addetti alle manovre si danno un gran da fare per sistemare sul ponte tutti gli aerei imbarcati.

carrier air wing uss enterprise portarei uss enterprise

ea-6b carrier air wing uss enterprise ea-6b prowler portarei uss enterprise

Perché l’hangar deve restare vuoto, domani l’Enterprise getterà l’ancora nella baia del Pireo, il porto di Atene, e la tradizione vuole che la Big “E” mostri i suoi “muscoli”. Tutta la forza d’attacco va messa in bella mostra e poi l’hangar servirà per accogliere gli ospiti del ricevimento che verrà dato domani sera in onore del paese ospitante. Finalmente un po’ di riposo, dopo una cena veloce, andiamo in cuccetta ma…..stento quasi a crederlo: camerata a dodici posti; esperienza nuova, nessuno conosce nessuno. Speriamo bene: io russo, tu russi egli russa …….ed i servizi? dove ci si può dare una rinfrescata?

Trovare la toilette un vero dramma, la nave è un labirinto: vai a sinistra, dritto per un bel pezzo, poi ancora a sinistra, destra, sinistra e l’ultima porta a destra è quella dei servizi per gli ufficiali alla quale ci hanno assegnato e, vivaddio, ha anche la doccia. Non ho capito nulla, mi sono perso e, per non sbagliare ancora, mi sono accodato ad uno dei Tedeschi che mi sembrava molto sicuro di sé, un veterano alla sua quinta visita su una portaerei americana. Dormire è stata un utopia, anche con i tappi antirumore e alle sei tutti in piedi per andare sul ponte a cogliere quell’attimo meraviglioso che solo l’alba può dare, con la sua luce radente che rende meravigliosa ogni foto.
Che emozione, circondato da una moltitudine di aerei, ecco che la palla di fuoco comincia a sorgere da Est ma bisogna fare in fretta, il sole va su a velocità sorprendente, le buone inquadrature non sono molte e qualcuno comincia a dare segni di nervosismo. Alla fine giunge il momento di sbarcare e mi attardo nell’hangar: improvvisamente mi trovo da solo, il mio bagaglio non c’è più e non so da che parte andare. Ma è questione di un attimo, mi agguanta un marine che, con ferma determinazione, deposita me ed il mio zaino sul battello che ci porterà a terra.

Eccola lì l’Enterprise, grandissima anche mentre si fa più lontana man mano che il battello si avvicina alla terraferma; arrivederci Big “E” e grazie per le emozioni che mi hai fatto provare.

22° ed ultimo dispiegamento operativo, 7 mesi, della USS ENTERPRISE
uss enterpriseComposizione del Battle Group:
CVN 65 USS Enterprise (Classe Enterprise)
CG 69 USS Vicksburg (Classe Ticonderoga)
DDG 78 USS Porter (Classe Arleigh Burke)
DDG 94 USS Nitze (Classe Arleigh Burke)
DDG 95 USS James E. Williams (Classe Arleigh Burke)Composizione del Carrier Air Wing One:
VFA – 11 Red Rippers (F/A-18F)
VFA – 211 Fighting Checkmates (F/A-18 F)
VFA – 136 Knight Hawks (F/A-18 E)
VMFA – 251 Thunderbolts (F/A-18 C(N))
VAQ – 137 Rooks (EA-6B)
VAW – 123 Screwtops (E-2C NP)
HS – 11 Dragon Slayers (SH-60F/HH-60H)
VRC-40 DET.3 Rawhides (C-2A NP)

L’autore ringrazia l’Ufficio Pubbliche Relazioni della Navy a Napoli ed i componenti dell’Ufficio Pubbliche Relazioni della USS Enterprise, per l’attenzione che ci hanno riservato.

Testo ed immagini: Remo Guidi

Rispondi