Il 9 Giugno 2017 in occasione della Giornata della Marina Militare il porto di Civitavecchia è stato teatro della cerimonia annuale per la festa della Forza Armata, alla quale hanno partecipato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e l’Ammiraglio Valter Girardelli, Capo di Stato Maggiore della Marina.

Con il motto “NOI SIAMO LA MARINA” il personale dela forza armata ha celebrato la giornata a loro dedicata. La Marina Militare ha festeggiato simbolicamente la propria giornata insieme al Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera come un unico grande Equipaggio composto di uomini e donne, militari e civili, uniti da dedizione, sacrificio e passione per il mare.

Durante la cerimonia sono state consegnate anche le Bandiere di Combattimento agli equipaggi delle Fregate Europee Multi Missione (FREMM) Carabiniere e Alpino che entranno, così, all’interno della flotta operativa. Tutta la cerimonia è stata poi suggellata dal sorvolo di tre velivoli caccia-bombardieri AV-8B Harrier II+ del Gruppo Aerei Imbarcati.

Ormeggiate al porto di Civitavecchia una rappresentanza delle unità navali della Marina Militare con le navi: Garibaldi, Carabinieri, Alpino, Borsini, Palinuro, Sommergibile Romeo Romei, Libra, Termoli, Italia, Dattilo alcune delle quali aperte al pubblico nei due giorni successivi. Grazie a questa iniziativa è stato possibile conoscere più da vicino, e perchè no condividere anche qualche emozione, l’importante e quanto mai indispensabile lavoro del personale della Marina Militare, coinvolgendo attivamente la popolazione nella tradizione marinaresca italiana intrisa dei valori di solidarietà reciproca, umanità e non ultimo di elevata professionalità.

Attività operativa nazionale ed internazionale

Oggi la Marina Militare è fortemente impegnata quotidianamente per lo svolgimento di operazioni nazionali ed internazionali in scenari quanto mai complessi, con unità navali ed aeree e con circa 1400 tra uomini e donne. Tra le più importanti l’operazione Mare Sicuro per la tutela degli interessi nazionali in Mediterraneo, le missioni europee Atalanta e Sophia, la prima per il contrasto alla pirateria marittima condotta nell’Oceano Indiano e a cui partecipa la fregata Espero mentre per la seconda, che si svolge nel Mediterraneo centrale con lo scopo di contrastare i traffici illeciti e l’immigrazione clandestina, la Marina Militare detiene il Comando e, in ambito NATO, la partecipazione  all’operazione Sea Guardian per la sorveglianza marittima e il contrasto al terrorismo internazionale.

Ma le unità navali e gli equipaggi della Marina Militare sono anche impegnate quotidianamente in attività di diplomazia navale e formazione come nel caso delle campagne addestrative come quella in corso della nave scuola Amerigo Vespucci che in questo momento è in navigazione sull’Atlantico verso le coste del nord America. Il tutto, nell’ottica di svolgere un ruolo cruciale e multidimensionale in fatto di Difesa nazionale, sicurezza, politica estera, sviluppo economico del Paese e tutela del patrimonio ambientale, nell’ambito delle attività di ricerca scientifica e promozione delle eccellenze nazionali all’estero. Senza dimenticare l’importante incentivo occupazionale dell’industria di settore offerto all’Italia.

La battaglia di Premuda

Il 10 Giugno è una data profondamente sentita che evoca la storica “battaglia di Premuda”, ardita azione su mare condotta dai MAS nel corso della 1ª Guerra Mondiale.

Il 10 giugno 1918, il Comandante Luigi Rizzo e il Guardiamarina Giuseppe Aonzo, al comando dei “MAS 15” e “MAS 21”, attaccarono una formazione navale austriaca nelle acque antistanti Premuda (costa dalmata), provocando l’affondamento della corazzata “Santo Stefano”.

L’impresa di Premuda rappresenta un’azione straordinaria per audacia e professionalità ed è il simbolo dell’opera corale svolta, nella Grande Guerra, dalla Marina italiana sotto l’illuminata ed innovativa guida del Grande Ammiraglio Thaon di Revel, al quale si renderà omaggio nel pomeriggio del 9 giugno con la deposizione da parte del Capo di stato Maggiore della Marina di una corona di alloro presso la basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma. L’audacia e la professionalità sono due qualità che contraddistinguono ancora oggi la Marina Militare. Si aggiungono a queste anche coraggio, umanità e dedizione al servizio.

L’istituzione della Giornata della Marina Militare risale al 13 marzo 1939. In precedenza, la giornata della Marina era celebrata il 4 dicembre, festa di Santa Barbara patrona della Forza armata.

Testo: Stefano Monteleone
Immagini: Michele Monteleone

A proposito dell'autore

Editore responsabile del portale Aviation Report. Appassionato di tutto ciò che vola soprattutto se militare, di elisoccorso e della Go Pro! Esperto di Web Design, Web & Social Media Marketing e di programmazione web.
Ho volato a bordo di aeromobili militari quali:
AB 212, EH-101, SH-90 (Marina Militare), AW-139 (Guardia Costiera), HH-139A, C-27J, KC-767A, KC-130J (Aeronautica Militare), CH-47C (Esercito AVES), ATR-42, HH-412C, AW-139 (Guardia di Finanza).

Post correlati

Rispondi