L’11 e il 12 Aprile scorsi il cacciatorpediniere USS Donald Cook (DDG-75) della US Navy, la marina militare americana, in servizio operativo nelle acque internazionali del Mar Baltico è stato più volte sorvolato a bassa quota da caccia bombardieri russi Sukhoi SU-24 Fencer.

I caccia russi si sono avvicinati alla nave militare americana con manovre definite “aggressive” dal comando USA della Sesta Flotta. I SU-24 Fencer hanno sorvolato la nave con passaggi a bassa quota l’11 Aprile mentre erano in corso manovre sul ponte di volo da parte di un elicottero in fase di rifornimento, manovre che sono state immediatamente sospese per chiari motivi di sicurezza.

Il 12 Aprile alle 17 pomeridiane un elicottero russo KA-27 Helix (assetto aereo antinave e antisom) ha circuitato più volte a distanza ravvicinata e a bassa quota intorno al cacciatorpediniere americano e dopo circa 40 minuti dall’allontanamento dell’elicottero altri due caccia bombardieri SU-24 Fencer hanno effettuato ripetuti passaggi e sorvoli a bassa quota simulando un aggressivo profilo di attacco antinave nonostante gli avvertimenti lanciati, sia in inglese che in russo, dall’unità navale americana.

Naturalmente le lamentele americane non si sono fatte attendere, considerando anche che episodi del genere potrebbero portare ad incidenti con conseguenze non facilmente gestibili, oltre ad aumentare la già elevata tensione tra le nazioni della zona del Baltico e del Nord Europa.

1 risposta

Rispondi