Domenica 28 Settembre 2008 si è tenuto sul sedime aeroportuale di Lucca – Tassignano in località Capannori (LU) la seconda edizione del Capannori Air Show, evento clou inserito all’interno di una più ampia programmazione di eventi legati allo splendido mondo del volo organizzati dal Comune di Capannori.
Il programma, sviluppatosi dal 12 Settembre al 5 Ottobre, è denominato “Festa dell’Aria” e ha visto lo svilupparsi di una serie di eventi collaterali – e non meno importanti – nel corso delle settimane precedenti l’Air Show: svolgimento 4° trofeo aerostatico “Vincenzo Lunardi”, prove valide per il campionato italiano di volo acrobatico in aliante, mostre e attività di volo con aeromodelli, battesimo dell’aria e molto altro.

Un plauso sin da subito agli organizzatori e agli amici piloti che si sono spesi giorno e notte per la miglior riuscita dell’evento.

Manifestazioni del genere sono da apprezzare da tutti i punti di vista e la risposta massiccia che c’è stata da parte del pubblico ne è la dimostrazione più lampante.

L’aeroporto di Capannori è noto – tra le altre cose – per essere base operativa di un’aliquota di Skycrane della Protezione Civile e del Corpo Forestale dello Stato. Un mezzo della Protezione Civile è giunto infatti sul sedime aeroportuale a metà pomeriggio impressionando i presenti con le manovre effettuate, nonostante la mole è notevole l’agilità. Un esemplare invece del CFS era esposto in statica.

S-64 SkyCrane Protezione Civile S-64 SkyCrane Protezione Civile S-64F SkyCrane Corpo Forestale dello Stato

Come si può notare dalle nostre immagini l’evento ha avuto un connotato prettamente “civile” ma molto interessanti ed apprezzati sono stati gli ospiti con le “stellette”: direttamente da Viterbo è giunto un Do-228 del 28° Gruppo squadroni AVES, mentre da Rimini sono arrivati uno splendido A-129CBT e un sempre apprezzato AB-412, entrambi del 7° reggimento AVES “Vega”, inquadrato nella Brigata Aeromobile “Friuli“ .
Forse non tutti i lettori sanno che le denominazioni “aeronautiche” degli elicotteri dell’Esercito Italiano…tali non sono !
Infatti l’AB-412 è l’ESC-5 (Elicottero Supporto Combattimento – 5) e il Mangusta è l’EES (Elicottero Esplorazione e Scorta) .
Il Do-228 – velivolo apprezzatissimo ma da sempre ingiustamente bistrattato dagli appassionati – ha dimostrato a tutti i presenti il significato di “short landing”, fermandosi in 100 – 120 m dal momento del contatto sulla pista e portandosi quindi al parcheggio !

A129cbt Mangusta 7 reggimento aves vega A-129cbt Mangusta A129cbt Mangista dettaglio lanciatore missili AB-412 Esercito Italiano

Do-228 Esercito Italiano Dornier DO-228 Esercito Italiano Do-228 EI Esercito Italiano Do-228

30 Anniversario Interni Do-228 Esercito Italiano Cockpit Do-228 Esercito Italiano

La manifestazione ha avuto inizio verso le ore 14.00 preceduta dagli arrivi degli ospiti.
Molto interessante la presenza di tre famose ed eccellenti pattuglie acrobatiche civili italiane, Blue Voltige sempre molto eleganti con i loro motoalianti Fournier e l’accompagnamento musicale, la pattuglia Yakitalia su Yak-52 (veramente belle la virata a 360° con leader rovescio e il tonneaux a botte).
Degni di nota infine i “giovani” Breitling Devils su 4 SF-260 + un velivolo spare eredi delle tradizioni della pattuglia Alpi Eagles che solcava negli anni ’90 i cieli delle manifestazioni italaiane; è interessante far notare che i piloti della pattuglia (già piloti della PAN) hanno più di 40.000 ore di volo messe insieme…un’esperienza a dir poco incredibile…passeggero d’eccezione sul velivolo n. 2 il “nostro” Veltro 1, Maggiore Urbano Floreani, comandante del 23° Gruppo caccia basato su F-16 a Cervia.
Queste le immagini:

Pattuglia Civile Memphis Belle

Presenti anche i Baroni Rotti, il Comandante Enzo Pacenti con il suo I-ISAC, due esemplari di autogyro (quantomai strano ed interessante velivolo/elicottero), il comandante Filippini con il preciso display in aliante, Filippo Roncucci con il Pitts Special magnificamente dipinto (ricordiamo che il velivolo – acquistato negli Stati Uniti – è stato costruito pezzo per pezzo dal proprietario grazie alla sua incredibile passione) , il Comandante Fossi con il CAP-231 ed i bravissimi aeromodellisti che hanno mostrato agli ospiti a che livello di perfezione costruttiva e prestazionale sono ormai giunti i “piccoli” modelli; vedette dell’esibizione è stato sicuramente l’F-8 Crusader con i colori della Aeronavale.

Presenti inoltre alcuni stand di espositori di produzioni locali, di note marche di prodotti aeronautici e di professionisti del mondo del giornalismo aeronautico.

Pattuglia Civile Breitling Pattuglia Civile Breitling Pattuglia Civile Breitling Pattuglia Civile Breitling

Un capitolo a parte meritano gli affascinanti palloni aerostatici; più numerosi della passata edizione, le mongolfiere quest’anno hanno salutato il pubblico con un decollo “in massa” creando peraltro 1 km di coda sull’autostrada A11 in quanto ammirate dai guidatori che transitavano in zona !!!
Aviation-report.com vuole sottolineare ancora una volta come gli eventi aeronautici (grandi o meno grandi che siano) raccolgano in sé lo splendido spirito del volo; andando via dal sedime aeroportuale non si riusciva a trovare una cartaccia e/o un mozzicone di sigaretta in terra neanche se ci si fosse messi a cercarli; questo è una costante nel magico mondo del volo: passione, ordine e professionalità la fanno da padroni.

Attendiamo a questo punto la terza edizione della Festa dell’Aria che – siamo sicuri – sarà ancora migliore della già ottima edizione 2008 !!

Testo e foto: Matteo Marianeschi

Rispondi